Lo aveva capito subito, Walter, che quella era la sua strada. Lo aveva intuito nel momento in cui aveva messo piede per la prima volta in un’officina di San Donà di Piave, a soli quattordici anni. Negli anni successivi la passione per la meccanica lo spinge a spostarsi più lontano da casa. Non aveva ancora diciotto anni, era poco più di un ragazzo che ogni mattina si svegliava all’alba, preparava il suo pranzo al sacco e partiva alla volta di Marghera, in provincia di Venezia, dove si trovava l’officina per cui lavorava.

La prima Sede Sandonauto.

Walter amava l’officina: sarà che il padre era un camionista, sarà che l’odore di diesel gli era sempre piaciuto, ma Walter sognava di più, voleva un posto che fosse tutto suo. Certo, era bravo con i motori, riusciva a capire subito il problema e a risolverlo, ma per lui il destino doveva essere diverso.

A 21 anni, aveva già la massima qualifica di meccanico: aveva bruciato le tappe in breve tempo e forse l’amata officina a Marghera iniziava a stargli stretta. Di sicuro voleva qualcosa di più, ma solo lì si sentiva a suo agio. Quello era il lavoro per lui. Come fare?

Per lui l’officina era come una casa, un rifugio. Si sentiva esattamente nel posto in cui doveva essere.

Era il 1978 quando il sogno di Walter diventava realtà.

Walter Rorato apriva la sua prima officina a San Donà, forte dell’esperienza maturata negli anni a Marghera e sicuro del suo spirito imprenditoriale, che lo aveva guidato fino ad allora e che gli aveva sempre suggerito la strada giusta da percorrere.

Per lui non si trattava solo di aggiustare camion: il lavoro a Sandonauto era fatto di passione, entusiasmo e cuore. Era fatto di assistenza 24 ore su 24, perché per Walter è sempre stato fondamentale poter garantire ai propri clienti un servizio di eccellenza , sempre presente in ogni momento della settimana, per ogni necessità. Un servizio che anche oggi contraddistingue Sandonauto e che ha contribuito indubbiamente alla crescita dell’azienda.

Il sogno di Walter non si è fermato qui: l’officina e il volume degli affari crescevano anno dopo anno. Iveco, colosso dei veicoli commerciali, negli anni ‘80 diventa partner di Sandonauto, riconoscendo fin da subito in Walter Rorato un imprenditore affidabile, pieno di voglia di crescere: in officina si utilizzano solo pezzi originali, vuole fare la differenza nel servizio offerto al cliente e garantire sempre qualità ed assistenza. Walter e i suoi meccanici seguono costantemente i corsi di formazione e di aggiornamento Iveco, per essere sempre pronti a ricevere le novità del settore e per migliorare il servizio dell’officina.

I figli di Walter sono pronti a raccogliere il testimone.

L’entrata in gioco di nuove forze, energiche e determinate, assieme ad un’esperienza pluriennale e alla ineccepibile qualità del servizio, porteranno a grandi risultati: nel 2002 Sandonauto viene eletta da Iveco miglior officina della sub-rete italiana. Un traguardo, quello raggiunto da Walter e dal suo staff, che premia anni di lavoro e di esperienza sul campo.

La famiglia Rorato. Al centro Walter, alla sua destra Federico, a sinistra Alessandro.

La voglia di espandersi cresce.

Nel 2008 il grande passo, l’apertura della nuova e più grande sede di Sandonauto, sempre a San Donà di Piave; l’anno successivo viene aperta una seconda filiale a Portogruaro, nel 2012 è la volta di Mestre.

Dopo ventisei anni l’officina è punto di riferimento per il Nordest, un luogo dove capacità, competenza e qualità sono sempre a disposizione del cliente, dove la differenza è nella qualità del servizio offerto.

Sandonauto ha davanti a sè ancora molti traguardi da tagliare e, grazie alla sua passione, questa storia è destinata a durare per molti anni ancora.

Tre sedi, oltre cinquanta dipendenti, una famiglia alla guida, tanti anni di successo alle spalle, ma vedrete sempre negli occhi di Walter Rorato quella stessa luce di quando ha iniziato.